Vivacemente insieme

Vivacemente insieme

mercoledì 11 marzo 2015

Corso di grafica - Lezione 5

Parlando di grafica non si può non parlare di Lettering.
In pubblicità e in editoria, per Lettering si intende la scelta o la progettazione dei caratteri tipografici (detti anche font) da usare in un testo.

Prima di sceglierli, per poterli usare nella maniera ideale all'interno dei vostri progetti con i bambini, è importante conoscerli imparando i nomi che li caratterizzano (bastone, graziato, corsivo, grassetto, script).
Ecco la scheda con la quale potrete spiegare ai bambini le varie differenze tra i caratteri tipografici. Inoltre, va detto che ognuno viene usato per scopi precisi in situazioni differenti.
Il carattere graziato è quello che dovrebbe non affaticare la vista quindi è adatto per letture lunghe, è quello che si usa nei testi di storia, nei romanzi.
Nei libri tecnici con testi brevi, per esempio libri di matematica soprattutto eserciziari, si predilige il carattere bastone.
Il grassetto viene usato per richiamare l'attenzione su una determinata frase per evidenziare concetti importanti.
In corsivo si mettono generalmente titoli, citazioni, soprattutto se si vogliono evitare le virgolette.
Poi si sono i vari caratteri che simulano la scrittura manuale, questi possono ispirarsi alla grafia degli adulti o dei bambini; chiaramente in ogni testo vanno inseriti quelli più adatti al lettore che ne farà uso.

La prossima volta parleremo del Lettering realizzato a mano come se fosse un disegno. Quindi non si tratta di un carattere che sembra fatto amano, ma veramente "handmade" o "handwrite".

Nessun commento:

Posta un commento