martedì 17 ottobre 2017

De Bono e i Sei cappelli per pensare

Edward De Bono (Malta 1933) è medico e psicologo, nonché studioso e autore di moltissimi libri a carattere divulgativo sui temi della mente delle sue potenzialità.
È l'ideatore del concetto di "pensiero laterale" che è un neologismo nato per identificare il pensiero divergente in antitesi al pensiero consequenziale logico-razionale (detto anche lineare).
È considerato una autorità nell'ambito del pensiero creativo.
È anche ideatore del Programma di Pensiero CoRT per le scuole, che è un programma parecchio utilizzato a livello internazionale per promuovere le abilità di pensiero.

I suoi libri più noti sono Il meccanismo della mente e Sei cappelli per pensare.

Il Meccanismo della Mente

In questo libro Edward De Bono descrive come la rete nervosa del cervello si comporta seguendo schemi fissi secondo un sistema auto-organizzato. Partendo da queste basi di carattere scientifico, De Bono ha forgiato la sua metodologia sulle abilità del pensiero.

Sei cappelli per pensare

In questo libro Edward De Bono spiega come in molti ambiti (lavorativi o scolastici) possa essere utile per condurre gruppi di lavoro condividere idee e progetti in maniera pacata e rispettosa esaminando la situazione sotto vari punti di vista, valutando pro e contro, ipotizzando nuovi percorsi inesplorati.
I sei cappelli sono simbolici e vengono utilizzati con le modalità di seguito esposte.

Cappello bianco. 
Analisi dei dati, raccolta di informazioni ed elementi vengono considerati in maniera neutra senza giudicarli. 

Cappello rosso. 
Emotività, esprimere di getto le proprie intuizioni, come suggerimenti o sfoghi liberatori, come se si ridiventasse bambini. Emozioni, sentimenti. 

Cappello nero. 
L'avvocato del diavolo che rileva gli aspetti negativi, le ragioni per cui la cosa non può andare. 

Cappello giallo. 
L'avvocato dell'angelo, rileva gli aspetti positivi, i vantaggi, le opportunità. 

Cappello verde. 
Indica sbocchi creativi, nuove idee, analisi e proposte migliorative, visioni insolite. 

Cappello blu. Stabilisce priorità, metodi, sequenze funzionali. Pianifica, organizza, stabilisce le regole del gioco. Conduce il gioco. 

Per la sua forma ludica e divertente, il metodo rende le riunioni meno tese, più piacevoli e produttive. 

Per chi  lavora da solo e per esempio sta approntando un lavoro di scrittura (presentazione, tesi, romanzo, etc.) tale modalità si rivela utile per esaminare il progetto sotto differenti punti di vista. 
Tutti i cappelli sono utili anche per i progetti condotti non in gruppo: il bianco serve a raccogliere e controllare le fonti, il verde a sviluppare nuove idee, il blu a organizzare il lavoro e a pianificare i tempi di consegna.

Per ulteriori approfondimenti visita il sito del Dr. Edward De Bono
www.edwdebono.com

Nessun commento:

Posta un commento