sabato 4 novembre 2017

Mappa mentale dei Sei cappelli per pensare

Ecco la mappa mentale riferita al libro dal titolo Sei cappelli per pensare del celebre Edward De Bono (ideatore del pensiero laterale).
Attraverso la mappa è possibile con immediatezza comprendere come è possibile condurre gruppi di studio e di lavoro per collaborare in armonia.
A turno si indossa un cappello (in maniera simbolica).
Chi, per esempio, è invitato a parlare usando il cappello nero può esprimere tutti gli aspetti negativi e gli svantaggi del progetto senza che nessuno si offenda. 
Chi indossa il cappello giallo considererà invece soltanto gli aspetti positivi.
Il cappello verde riconduce agli aspetti creativi, estrosi e fuori dall'ordinarietà.
Il cappello rosso, invece, è quello delle emozioni e chi lo indossa esprime liberamente i sentimenti che quel dato progetta evoca.
Il cappello blu indica la pragmaticità, fasi e tempi di lavorazione.
Il cappello bianco è l'unico che si deve astenere da considerazioni (positive o negative) riportando solo i dati come pura informazione.

Nessun commento:

Posta un commento