venerdì 23 febbraio 2018

Il disegno narrativo condiviso

La tecnica del Disegno Narrativo Condiviso è stata elaborata dallo psicologo e psicoterapeuta Gianluigi Passaro in diversi anni di studio, ricerca e sperimentazione sul campo.
La novità sta nel fatto che bambino e psicoterapeuta lavorano fianco a fianco senza barriere, in maniera ludica e spontanea, e questo permette al bambino di aprirsi maggiormente raccontando anche tracce non ancora elaborate.

Raccontare in terapia significa richiamare una traccia non ancora compresa a livello emotivo e investirla di carico emozionale, affinché possa divenire un ricordo occupando la giusta posizione in mezzo a tutti gli altri ricordi. 
La psicoterapia consente di raccontare la propria storia investendola di nuovi significati in modo per offrire equilibrio e armonia.

La tecnica si concretizza nella realizzazione delle cosiddette Puntastorie. Partendo da punti impressi su un grande foglio di carta bianca, si disegnano linee e poi figure geometriche semplici fino ad arrivare a illustrazioni e narrazioni che racchiudono il vissuto del del bambino.

Il Disegno Narrativo Condiviso rappresenta dunque un lavoro creato a quattro  mani da paziente e terapeuta, che si arricchisce man mano di contenuti simbolici, fino a diventare una vera storia.

Il DNC in virtù del suo essere simbolico diviene, in ogni sua componente, fonte di informazione: le posizioni sul foglio, il tratto, la scelta dei soggetti disegnati, l’uso dei colori, tutto è rappresentativo e contribuisce a delineare il  profilo del piccolo paziente.
Gli scopi nell’utilizzare questa tecnica sono molto vasti: esplorare il livello grafico del bambino, le capacità intuitive e di soluzione delle difficoltà le competenze narrative e logiche, l’emotività e le paure. Il racconto creato diventa una storia personale, con emozioni, speranze, angosce, tutto ciò che ci rende espansivi o che porta a rinchiudersi. 
La Puntastoria permette al piccolo di avvicinare questi aspetti, di dare loro voce, di riconsiderarli ed elaborarli. Inoltre, offre dettagli importanti sul paziente in un determinato momento per poter valutare un efficace percorso terapeutico. Una buona storia include già al suo interno la via del cambiamento e la terapia è lo spazio narrativo in cui questa storia può prendere forma. Mentre i fatti rimangono i medesimi, ma è il narratore che cambia e riesce a trovare, nella storia, una nuova via per superare le criticità.

Per saperne di più consulta il sito dell'autore Gianluigi Passaro

oppure acquista il suo libro 

1 commento:

  1. Ganluigi Passaro24 febbraio 2018 08:39

    Grazie Rossana per l'attenzione e l'interesse mostrate per il mio lavoro. La sua recensione coglie lo spirito della Puntastoria e dei mondi possibili che terapeuta e piccolo paziente riescono a creare giocando, disegnando e raccontando.

    RispondiElimina