giovedì 9 luglio 2020

I principi fondamentali della Costituzione spiegati in maniera semplice


Educazione civica a scuola dal 2020-2021

Con l’entrata in vigore della Legge n° 92 del 20 agosto 2019, a partire dall'anno scolastico 2020/21 è stato introdotto, nel primo e nel secondo ciclo di istruzione, l’insegnamento obbligatorio dell’Educazione civica e ambientale, con un numero fisso di ore dedicate allo studio della materia.

La prima volta in cui si iniziò con l'insegnamento dell'Educazione civica risale al 1958, da quando Aldo Moro con D.P.R. n. 585 del 13 giugno 1958 introdusse questa materia nelle scuole medie e nelle scuole superiori. Due ore di lezione al mese condotte dal professore di storia ed è stata insegnata fino all’anno scolastico 1990/1991.
Negli anni seguenti ha subìto alcune trasformazioni, acquisendo un ruolo trasversale: da Educazione civica è poi diventata Cittadinanza e Costituzione, con decreto legge n. 137/2008. Una nuova materia affidata agli insegnanti di storia e geografia per approfondire, essenzialmente, l'educazione stradale, ambientale, alimentare, della salute e infine anche il tema della Costituzione italiana.
Tutti questi temi li ho sempre affrontati ampiamente nel blog, attraverso numerose schede.
Ora, alla luce dell'introduzione della materia specifica EDUCAZIONE CIVICA, anche nella scuola primaria, ho predisposto le opportune etichette raggruppando in maniera più organica il materiale, in modo che sia più semplice la ricerca e l'utilizzo.
Nei mesi a venire andrò ad implementare ulteriormente le schede di lavoro.

mercoledì 8 luglio 2020

La Costituzione della Nazione delle piante

Per introdurre il tema della Costituzione, può essere molto utile parlare ai ragazzi della Costituzione della nazione delle piante.
Questa scheda è redatta in relazione al libro "La Nazione delle piante" scritto dal neurobiologo e scienziato Stefano Mancuso.

La Costituzione spiegata ai bambini della scuola primaria.

Con parole semplici e chiare proviamo a spiegare, ai bambini della scuola primaria, l'importanza della Costituzione.
Qual è la sua funzione? In pratica, a che cosa serve?
Quando e come è nata?
Perché oggi siamo orgogliosi di riaffermare la Costituzione?

L'intelligenza degli animali e delle piante

Viene spontaneo dire che gli animali sono intelligenti perché hanno un cervello mentre le piante, che non hanno un apparato nervoso, non possono essere dotate di intelligenza.
Tuttavia prima di essere così categorici sull'intelligenza delle piante, leggete questo articolo.


sabato 27 giugno 2020

Tante pagine per i compiti delle vacanze, per i bambini della scuola primaria

Ecco gli Speciali a tema, con tante pagine istruttive e divertenti.
Sono stati realizzati in collaborazione con il Museo Egizio, Museo del Cinema, Centrale del Latte di Torino.


mercoledì 24 giugno 2020

Edizioni Speciali a tema dei giornalini Vivacemente e VivacementeDue

Grazie alla consolidata sinergia con Il Museo Egizio e il Museo del Cinema di Torino, e grazie anche alla Centrale del Latte Di Torino, abbiamo realizzato 3 Speciali a tema che potrete scaricare gratuitamente.
Avrete così tante pagine divertenti e giocose per intrattenere i bambini durante il periodo estivo.

Entro la fine di giugno inseriremo il link per poterli scaricare.
Tornate presto sul Blog!

martedì 23 giugno 2020

giovedì 18 giugno 2020

Rebus per bambini della scuola primaria

Esercitare la mente in maniera divertente e giocosa.

Impariamo a fare il riassunto

Ciao bambini, durante le vacanze sarà utile, in relazione alle cose che studiamo, imparare a fare il riassunto. In questo modo potremo tenere a mente tanti concetti, con più facilità.
Ma ecco quali sono le regole per fare un buon riassunto. Ascoltiamole in questo video.
https://www.youtube.com/watch?v=r5Ji2An1eVI

martedì 9 giugno 2020

La Terra ha ripreso a respirare

In questo periodo di lockdown, abbiamo avuto la conferma di quanto sia importante ridurre le abitudini che vanno ad inquinare la Terra, con ripercussioni pesanti sulla salute di tutti e con gravi rischi per le generazioni future.
Sono bastati tre mesi, in cui siamo rimasti fermi, per restituire ossigeno alla terra, per ridurre il buco dell'ozono, per alleggerire notevolmente l'inquinamento.
Ma i bambini lo sapevano già... avevano già lavorato sodo su questo argomento, tant'è che avevano scritto riflessioni, dipinto illustrazioni, preparato manifesti... e in questi giorni la maestra Clara li ha montati creando questo suggestivo video. Grazie a tutti!

mercoledì 3 giugno 2020

Il tornio spiegato ai bambini

Condivido questo video stupendo curato da Miki e Teo che ci mostrano come gli artigiani realizzano il vasellame. Potremo capire così come funziona il tornio.
Il tornio è un utensile ideato moltissimi anni fa. Infatti, i primi tipi di tornio risalgono alla preistoria. 
Si trattava di torni che gli artigiani vasai utilizzavano per produrre il vasellame.
Il tornio viene utilizzato per la lavorazione di un pezzo posto in rotazione. 
Questo tipo di lavorazione è detta tornitura e avviene mediante l'asportazione di materiale che viene poi eliminato.
Questo materiale di scarto è denominato cascame (termine derivato da cascare), oppure viene detto anche truciolo o sfrido.

Il testo poetico spiegato ai bambini della scuola primaria

Vorremmo concludere questo anno scolastico 2019/2020, che è stato complicato e particolare, soffermandoci sulle emozioni che abbiamo provato.
Allora per parlare di emozioni e di come trasmetterle attraverso un testo, condivido questo video della maestra Clara sul testo poetico.
Ascoltatelo bene, bambini, e poi provate anche voi a narrare, attraverso un testo poetico, alcune vostre emozioni provate in questi mesi.
Che cosa ha significato stare a casa per così tanto tempo? Come vi siete sentiti quando avete potuto rivedere i vostri amici?

mercoledì 27 maggio 2020

Disegnare i cavalli in movimento

Sono felice di postare un nuovo video, il cui autore è Mattia, un bimbo appassionato di cavalli.
Qui ci mostrerà come disegnarli. Mattia è bravissimo anche nell'imprimere l'idea del movimento.
Notate la differenza tra il cavallo fermo a sinistra e quello al galoppo a destra.
Ovviamente anche quello a destra è statico sul foglio di carta, ma attraverso le gambe e la coda, Mattia è riuscito a trasmettere il senso di velocità e di libertà.

venerdì 22 maggio 2020

Come costruire un piccolo telaio con i bambini

Con grande entusiasmo e soddisfazione vi propongo questo video-tutorial, realizzato da Ricky, che mostra ai bambini della scuola primaria come realizzare un piccolo telaio per la tessitura.
Ascoltando le sue spiegazioni capiremo pure la differenza fra trama e ordito. Seguiamolo attentamente, così potremo realizzare un piccolo arazzo ispirato alla tessitura del periodo Neolitico.
Buon lavoro e buon divertimento. 

lunedì 18 maggio 2020

domenica 17 maggio 2020

Ridere aumenta le difese immunitarie

Ridere fa bene alla salute e aumenta le difese immunitarie.
La risata (specie quella spontanea e di pancia) stimola la produzione di endorfine che hanno proprietà analgesiche (in caso di dolore lo sentiamo di meno) e proprietà rasserenanti.
Ascoltiamo la maestra Clara che ci legge la storia della Ridolite contagiosa, una storia scritta da Grazia Mauri (il libro è pubblicato da Ghisetti e Corvi Editori).

venerdì 15 maggio 2020

Come colorare con le spezie

Ho il piacere di proporvi un altro bellissimo video di Franci Attack, che ci insegna come colorare con le spezie.

giovedì 14 maggio 2020

Le palafitte del Neolitico

Sono entusiasta di pubblicare un video straordinario, realizzato da Lorenzo e il suo papà che ci parlano di come e perché sono nate le palafitte. 
Proviamo a carpire l'ingegno e le astuzie degli uomini del Neolitico e poi, seguendo le fasi per la realizzazione illustrate nel video, riproduciamo una palafitta utilizzando materiali semplici e di recupero.

Il modo indicativo dei verbi spiegato ai bambini

Un altro utilissimo video della maestra Clara sul modo indicativo dei verbi.

mercoledì 13 maggio 2020

martedì 12 maggio 2020

Realizzare un microscopio per i bambini

Sempre più spesso mi viene richiesto di postare schede per la realizzazione di lavoretti manuali.
La costruzione di semplici oggetti, con materiali di recupero, è un gesto creativo che sviluppa manualità, riempie di soddisfazione, allontana la noia e avvicina le persone che dirottano le loro energie verso un obiettivo comune, anche se piccolo.
Vi propongo una scheda per la realizzazione di un rudimentale microscopio.
È un oggetto semplice e di effetto, che darà molta soddisfazione ai bambini. Si raccomanda la costante presenza di un adulto, specie nella fase più delicata che è quella in cui bisogna tagliare una parte del flacone in plastica.
Basterà osservare la scheda illustrata per capire come realizzare il microscopio, tuttavia, di seguito trovate anche una spiegazione più dettagliata con altri suggerimenti.
Fasi per la realizzazione.
1. Utilizzando dell’acqua tiepida, stacca l’etichetta del detersivo e lava bene il contenitore in plastica per realizzare la struttura del tuo microscopio.

lunedì 11 maggio 2020

Approfondimento sul Neolitico - scuola primaria

Ecco la seconda parte del Neolitico, ringrazio la Maestra Clara per averci proposto questo interessantissimo video. Tuffiamoci insieme a lei nel periodo che gli storici chiamano "Età della Pietra Nuova". Addentriamoci in un villaggio e scopriamo i grandi passi avanti che gli uomini hanno compiuto!

Realizzare un fondale marino con i bambini

Ecco come costruire un fondale marino insieme ai bambini. È un lavoretto di facile realizzazione, non occorrono materiali particolari ma solo elementi di recupero come una gruccia appendiabiti, cartoncino e carte colorate, colla, nastri o fili. Utilizzando il filo da lenza da pesca, in nylon trasparente (se per caso l'avete a disposizione) otterrete un effetto ancora più suggestivo perché i pesci sembreranno fluttuare nel fondale.

sabato 9 maggio 2020

Timbri fai da te, per la scuola dell'infanzia e primaria

Inserisco un video utilissimo e divertente per realizzare timbri fai da te.
Questo tutorial molto creativo è stato prodotto da Francy e dalla sua super mamma che ringrazio. Questi timbri possono essere realizzati insieme ai bimbi della scuola primaria, ma anche della scuola dell'infanzia. Buon divertimento a tutti, sprigionate la vostra creatività!

Lavoretto creativo per la festa della mamma

Con questo video tutorial la maestra Clara ci guida per realizzare un bellissimo lavoretto come dono per la festa della mamma. Si tratta del Diploma per la Mamma più Bella del Mondo.
Ogni mamma sarà felice e orgogliosa di riceverlo!

Il Neolitico spiegato ai bambini della scuola primaria

Ecco un bellissimo video attraverso il quale i bambini potranno apprendere le principali caratteristiche del Neolitico e i cambiamenti fondamentali che hanno determinato una radicale innovazione nel sistema di vita.

domenica 3 maggio 2020

Indovinelli divertenti per bambini

Giocare al gioco degli indovinelli aguzza la mente!

Indovinelli per bambini della scuola primaria


Le oche non sono stupide

Le oche non sono stupide, nonostante molta gente pensi il contrario.
Appaiono un po' goffe nei loro movimenti, ma non mancano di intelligenza.
Dopo uno scontro, che in ogni caso non è mai troppo duraturo, si allontanano e se ne vanno in direzioni diverse. Una volta separate, sbattono vigorosamente le loro ali, per quattro/cinque volte.
Questo è il loro modo di sfogare l'energia rabbiosa ancora residua; smaltiscono così tutta l'energia negativa che aveva alimentato lo scontro.
Dopodiché è come se niente fosse accaduto.
Se le oche ragionassero come fanno molti degli esseri umani, rimuginerebbero a lungo sul litigio, serbando rancore.

sabato 2 maggio 2020

La creatività aiuta a superare i momenti difficili

La creatività è un'onda misteriosa di energia positiva. Uno slancio propulsivo benefico, importante per l'utilità delle idee che potranno generare nuovi, oggetti, nuove forme, di riciclo, nuove formme d'arte.
Ma non dimentichiamo che il primo beneficio sta nella potenza dello slancio stesso, un beneficio che si riverbera verso il nostro sistema immunitario, verso la nostra saluto psico-fisica. Già in altri articoli ho parlato dell'importanza delle esperienze eudaimoniche (quelle esperienze positive - spesso legate all'arte - che ci fanno stare bene inseguendo il nostro daimond, la nostra creatività).
Ora, a proposito di creatività, vi voglio segnalare questo interssante contributo delle prof. Umberto Santucci. Ve lo ricordate? Vi avevo già parlato di lui in merito alle mappe mentali.

giovedì 30 aprile 2020

Le zoonosi e gli ecosistemi, spiegati in parole semplici

Ecco una scheda che, con immagini esemplificative e parole semplici, spiega un concetto chiave di grande attualità:
rispettando gli ecosistemi, possiamo stare al sicuro e ogni essere vivente potrà continuare la propria esistenza ed evoluzione sul pianeta, senza correre rischi.

Deforestazione e traffico di specie animali

Oltre alla deforestazione, anche il traffico di specie e la vendita di animali, in particolar modo quelli in mercati con scarsa igiene, sono attività che mettono a rischio la salute di tutti perché a causa della promiscuità tra animali e uomo, può avvenire il salto di specie che scatena un'epidemia che si trasformare rapidamente in pandemia, come nel caso del Covid-19.
Il WWF ha lanciato una campagna affinché i wet-market asiatici vengano aboliti, tra questi il famigerato mercato di Wuhan in Cina. Il commercio di animali selvatici è la seconda più grande minaccia verso la ricchezza della vita e della biodiversità. 
La prima è la distruzione degli habitat ed ecosistemi, come è stato ampiamento descritto in altri post.
La Sars arrivò agli umani con lo zibetto di palma, la Mers con il cammello, Ebola con il  gorilla e il scimpanzé, Hendra con il cavallo, Nipah attraverso il pipistrello (primo serbatoio) e poi il maiale (serbatoio di amplificazione).
Per quanto riguarda il Covid-19 l'ipotesi più accreditata al momento è che il serbatoio di questo coronavirus sia stato il pipistrello
I pipistrelli sono tra i più grandi serbatoi di virus che troviamo in natura; essi hanno una più lunga storia evoluzionistica alle spalle, durante la quale hanno potuto mettere a punto un sistema immunitario efficientissimo, molto più di quello di noi sapiens.

mercoledì 29 aprile 2020

Il coronavirus da un punto di vista evoluzionistico

I virus non sono cattivi, o meglio, non avendo un cervello pensante, non è che decidano di aggredirci perché ci detestano. Semplicemente, rispondono in maniera compulsiva a un istinto primordiale darwiniano che è quello di espandersi e replicarsi quanto più riescono a farlo.
Sta alla nostra intelligenza (visto che noi ne siamo dotati) comprendere quali sono i comportamenti per evitare che i virus diventino aggressivi e deleteri nei nostri confronti.
Ascoltiamo questo interessante intervento dello scienziato evoluzionista Telmo Pievani.

Perché i bambini sono più forti di fronte al nuovo coronavirus?

Il SARS-CoV-2 è uno dei sette coronavirus che possono infettare l'uomo. Anche due degli altri virus (responsabili di SARS e MERS) possono scatenare gravi problemi. Gli altri, invece,  sono relativamente benigni e nella gran parte dei casi causano solo un semplice raffreddore.
Kanta Subbarao, pediatra e virologa di Melbourne, specializzata in malattie infettive presso il Peter Doherty Institute for Infection and Immunity,  ipotizza che una precedente esposizione a coronavirus più lievi possa avere un ruolo importante per sviluppare un sistema immunitario forte e in grado di essere efficace nei confronti del COVID-19. A scuola, i bambini hanno l'occasione per generare costantemente anticorpi contro questi virus più innocui, e quegli anticorpi probabilmente si rivelano utili per combattere anche il nuovo coronavirus.

Le malattie infettive scatenano una vera e propria guerra biologica nell’organismo tra gli agenti patogeni e un esercito di molecole immunitarie. Questa guerra può dare origine a tre situazioni differenti.
1. Il sistema immunitario elimina gli agenti patogeni senza causare danni e compromissioni nei confronti delle cellule sane. Questo avviene quando il sistema immunitario riesce a funzionare al meglio perché le condizioni di salute sono buone.
2. Con l'avanzare dell'età e il subentrare di alcune patologie, il sistema immunitario potrebbe essere debilitato e non in grado di reagire con una  risposta abbastanza efficace, lasciando così il campo libero agli agenti patogeni che continuano liberamente a replicarsi, vincendo la guerra. 
3. Nella terza eventualità, una reazione immunitaria troppo reattiva potrebbe causare seri danni, andando a colpire, oltre agli agenti patogeni, anche le cellule del proprio corpo. Questo è ciò che si verifica quando il sistema immunitario va in tilt e dà una risposta autoimmune (contro se stesso).

martedì 28 aprile 2020

La diffusione dei virus spiegata ai bambini

Ho preparato una scheda dove ho sintetizzato le tre fasi che aiutano a comprendere come i virus (rimasti tranquilli nel loro habitat per molto tempo) possano giungere  fino a noi, generando epidemie e pandemie.
Pensate a un pipistrello che viveva tranquillo tra gli alberi di una foresta. Quando la sua foresta viene distrutta sarà costretto a cercarsi un'altra casa, cercherà altri alberi ai margini di una foresta diradata e vicina alle attività dell'uomo. 

Come spiegare ai bambini la diffusione dei virus

In questo articolo, cerchiamo di capire perché si sviluppano nuove malattie che sono così dannose per l'uomo. Cerco di sintetizzare, in modo che possiate spiegarlo con facilità anche ai bambini della scuola primaria.
Innanzitutto, dobbiamo precisare che queste malattie infettive vengono chiamate zoonosi.
Con il termine zoonosi si intende una malattia che si trasmette dagli animali all'uomo.

Ma come si verifica una zoonosi?
Una zoonosi si verfifica attraverso uno spillover, ossia il salto di specie.

E questo spillover come avviene?
Troppa vicinanza tra l’uomo e gli animali selvatici, fa sì che possa verificarsi il fatidico "spillover". 

E perché adesso avvengono frequantemente questi salti di specie, mettendo a rischio la nostra salute?
Tutto questo avviene per i seguenti motivi, che si generano attraverso tre passaggi. Analizziamoli insieme. 

1.    Attività umane troppo spinte.
    La deforestazione, la costruzione di grandi strade, l’aumento smisurato di allevamenti e terreni agricoli, lo sfruttamento delle risorse non rinnovabili, l’eccessiva produzione di rifiuti, l’inquinamento, sono le cause che hanno indotto la rottura degli equilibri degli ecosistemi.

2.    Tecnologia e globalizzazione.
    Oggi siamo 7 miliardi e abbiamo per le mani un altissimo livello di tecnologia che ci permette di fare cose impensabili, fino a un paio di decenni fa.
    Per questo, il nostro impatto ambientale è diventato globale e insostenibile. Immense produzioni e immensi spostamenti di merci.

3.    Perdita di fauna e flora.
    Laddove si abbattono gli alberi e si uccide la fauna, i microrganismi del posto iniziano a volare in giro come polvere che si alza dalle macerie.
    Un parassita, disturbato nella sua quotidianità e allontanato dal suo ospite abituale, ha due possibilità: trovare rifugio in un nuovo ospite tentando il salto di specie (spillover) oppure estinguersi. Ma come tutti gli esseri viventi, che hanno un irresistibile slancio verso la vita, farà di tutto per trovare una nuova casa. Dunque, non ce l’hanno con noi, siamo noi che siamo diventati tanti, ci sentiamo i padroni dell’universo e agiamo senza pensare alle conseguenze.
    Forse sottovalutiamo il fatto che un batterio o un virus, che prima
viveva tranquillo dentro un pipistrello, in pacifica simbiosi, quando compie un salto di specie all’interno di una scimmia, o di un essere umano, possa divenire molto pericoloso.

Bibliografia: Spillover, David Quamman, Adelphi

domenica 26 aprile 2020

Educazione musicale nella scuola primaria

Nella scuola primaria è importante avvicinare i bambini alla musica.
Il nome degli strumenti musicali, il nome delle note, e giochi con gli strumenti più semplici (triangolo, xilofono, ecc.) possono essere i primi passi.

sabato 25 aprile 2020

Le emozioni che non sapevi di provare

Questa scheda la dedico agli adulti (insegnanti, genitori, amanti dell'introspezione).
Vi riporto sei emozioni, di cui probabilmente non siete a conoscenza, ma che in qualche modo vi sarà capitato di provare.
Provate a pensare se, in questi giorni di distanziamento sociale, avete provato queste emozioni e con quale intensità. 
Qual è stata l'emozione prevalente in questo periodo, foriero di alti e bassi, angosce e speranze?
Dare un nome a ogni emozione, ci aiuta a comprenderle meglio, a capire il nostro modo di lasciar fluire la parte emotiva e di relazionarci con gli altri.
Provate a parlarne anche con i vostri bambini, chiedendo di spiegare i loro stati d'animo e invitandoli a trovare un nome alle loro sensazioni. Riuscirete a trovare le parole giuste in relazione alla loro età.
L'italiano è una lingua ricca, tuttavia ha un vocabolario emotivo piuttosto scarno.
Per definire molte emozioni profonde, c'è bisogno di argomentare, non basta una parola.
Probabilmente, se ci fosse una definizione precisa correlata a un certo stato d'animo, affronteremmo il nostro disagio con maggiore consapevolezza.
In altre culture molte emozioni, seppur particolari e infrequenti, hanno un nome ben preciso.
Alcune le ho volute riportare in questa scheda, perché mi sembrano emozioni attuali in questo momento di crisi sanitaria, economica e sociale.
Per chi è interessato ad approfondimenti, sono tratte da:
Atlante delle emozioni umane, Tiffany Watt Smith, Utet 
 

I batteri e il loro habitat