venerdì 27 ottobre 2017

La casa è spesso luogo di pericoli

Illustrazione di Chiara Gobbo
La casa, il nostro nido, un luogo che riteniamo sicuro e al riparo dai pericoli, molto spesso non lo è.
Questo accade per leggerezza, scarsa informazione, distrazione... e a farne le spese sono sovente i bambini.

Sia su Vivacemente (giornalino 0-6 anni) che su VivacementeDue (giornalino 7-11 anni) abbiamo spesso dedicato alcune pagine per cercare di sensibilizzare i genitori su questa tematica. In questo blog riprendo alcune pagine dell'argomento perché ritengo importante che l'attenzione non cali affinché gli incidenti domestici smettano di verificarsi.
Il locale più a rischio della casa è la cucina. Gli incidenti si verificano più frequentemente alle ore dei pasti. 
Spesso le pentole sul fuoco, colme di liquidi bollenti, vengono lasciate incustodite proprio sul fornello verso il centro della stanza. Meglio invece posizionarle sul fornello accanto alla parete della cucina e, in ogni caso, quando una pentola è sul fuoco la presenza dell'adulto deve essere costante.

Spesso le buste di pane o le carte che avvolgono i cibi finiscono sul top della cucina, proprio accanto ai fornelli, e quindi rischiano di prendere fuoco. Per pulire la cucina e i pensili non usare alcol o altri prodotti facilmente infiammabili. Non fumare mentre si cuociono i cibi.

Attenzione anche alle piastre per cucinare alla griglia, e alle piastre usate in bagno per i capelli.
Inoltre, non lasciare il ferro da stiro incustodito, neppure per un istante.
Soprattutto non dimenticare mai che la fantasia dei bambini non ha confini. Per loro una tenda può essere usata per farne un bel mantello nel quale si rischia di rimanere intrappolati...
Un sacchetto può essere messo in testa per farne una maschera rischiando così il soffocamento, anche sciarpe e cordoni vari spesso vengono usati dai bambini per giocare come fossero collane e rischiano di diventare pericolosi oggetti che in casi molto sfortunati portano a gravi conseguenze.

Quindi la raccomandazione è: non fare mai calare la sorveglianza sui bambini, specie quelli più piccoli, ed evitare nella maniera più assoluta che si possano trovare di fronte a cose o a situazioni potenzialmente pericolose.

Nessun commento:

Posta un commento