Vivacemente insieme

Vivacemente insieme

domenica 8 marzo 2015

Corso di grafica - Lezione 1

Questo corso di grafica, proposto in varie puntate,  si rivolge a:
- appassionati che vogliono accostarsi a questa disciplina in maniera semplice e divertente
- insegnanti che desiderano organizzare un laboratorio di grafica con i loro allievi della scuola primaria o secondaria di primo grado; molto utile in vista della realizzazione di un giornalino scolastico.

Lezione 1

Definizione di "grafica".
Il termine grafica indica un prodotto relativo alla comunicazione visiva.
Occuparsi di progettazione grafica significa dare una veste a un contenuto, allo scopo di veicolare un messaggio in maniera immediata ed efficace.
La grafica si distingue essenzialmente in due grossi rami: grafica pubblicitaria e grafica aziendale.

La grafica pubblicitaria opera in ambito commerciale allo scopo di promuovere un prodotto, oppure per promuovere un'azienda realizzando un lavoro più ampio che comprende la progettazione dell'immagine coordinata.
Il grafico che si occupa di realizzare l'immagine coordinata di una azienda deve progettare il marchio o logo (più avanti spiegheremo la differenza), si impegna per progettare in maniera creativa quanto segue:
biglietti da visita, carta intestata, cartelline, gadget promozionali, etc.
Questi oggetti avranno saranno coordinati, riportando il medesimo logo riprodotto solo con qualche variante, gli stessi colori e le stesse caratteristiche che dovranno permettere agli utenti di identificare quella determinata azienda.

La grafica editoriale opera appunto nel campo dell'editoria e si occupa di progettazione e impaginazione di libri, riviste e giornali, con l'intento primario di offrire ai lettori una lettura gradevole, di facile consultazione e che non stanchi la vista, scegliendo quindi caratteri idonei ai lettori cui si rivolge il prodotto editoriale. 
Quando si tratta di libri per lo studio, o comunque vengono presentati dei testi lunghi, un buon grafico deve predisporre le pagine in modo che  il lettore possa subito identificare le parti più importanti, quindi essenziali, e le parti di approfondimento.
È importante inframmezzare la parte scritta con immagini di richiamo con un duplice scopo:
- alleggerire le pagine affinché il lettore, specie se è un bambino, non si senta spaventato di fronte a testi troppo lunghi
- offrire immagini o fotografie atte a spiegare meglio quanto descritto con le parole.

Nessun commento:

Posta un commento